Muzej Predjama - Muzejski zbirki "Pri stari dami"

Muzejski zbirki "Pri stari dami"
1. svetovna vojna in lovska zbirka

Predjama 13, 6230 Postojna, Slovenia
(Dove siamo? - posizione sulla mappa)

Tel.: +386 41 730 690

E-mail: info@muzej-predjama.si

ORARIO:

Gennaio, febbraio, marzo: 10:00 - 16:00
Aprile, maggio, giugno, ottobre, novembre, dicembre: 10:00 - 19:00
Luglio, Agosto, Settembre: 10:00 - 20:00

Spletna stran je v izdelavi.  /  Web site is under construction.  /  Il sito web e in costruzione.

Raccolta della Prima Guerra Mondiale – Fronte d’Isonzo

La Prima Guerra Mondiale iniziò il 28 luglio 1914 e finì il 11 novembre 1918. Dopo che il conflitto nei Balcani tra Austria-Ungheria e Serbia si estese a livello mondiale, tutti i principali imperi mondiali dell’epoca ed i loro alleati rimasero coinvolti nella Grande Guerra. Già molti anni prima della guerra si formarono due fazioni opposte, Triplice Intesa e Potenze Centrali, che competevano per la dominazione economica, politica, militare e coloniale in Europa e nel mondo. La Triplice Intesa riunì in alleanza Francia, Gran Bretagna e Russia, mentre le Potenze Centrali erano costituite da Germania, Austria-Ungheria ed Italia. La Triplice Intesa venne in seguito raggiunta dal Giappone, Italia, Romania, Grecia e Stati Uniti, invece alle Potenze Centrali si associarono Turchia e Bulgaria.

Il modo di combattere e le nuove armi fecero in modo che i soldati al fronte morivano in massa nella guerra di posizione la quale non portava grandi spostamenti e inoltre soffriva anche la popolazione civile. Secondo le stime le perdite dei militari e quelle dei civili su ambedue i fronti ammontavano a più di 37 milioni di morti, feriti e dispersi, tra i quali morirono 10 milioni di soldati e 7 milioni di civili.

Dopo l’alleanza dell’Italia alla Triplice Intesa e la sua dichiarazione di guerra all’Austria-Ungheria il 23 maggio 1915 si creò una linea di circa 600 km lungo il fronte italo-austriaco. La sua parte orientale chiamata Fronte d’Isonzo si estendeva su circa 90 km tra il Rombon e il Mare Adriatico. In ventinove mesi di combattimenti, dal maggio 1915 all’ottobre 1917, si svolsero 12 offensive, 11 offensive italiane, però l’ultima, la dodicesima, venne eseguita congiuntamente dall’esercito austro-ungarico e tedesco che finì con lo sfondamento vittorioso a Caporetto e la ritirata dell’esercito italiano fino alle nuove posizione sul Piave. Secondo le stime morirono sul Fronte d’Isonzo su ambedue gli schieramenti circa 300.000 soldati e un gran numero di civili.

Durante la Prima Guerra Mondiale Postumia era, fino allo spostamento del fronte sul fiume Piave, un importante centro militare nel quale era presente lo stato maggiore di Svetozar Boroević von Bojna, il commandante dell’ Armata d’Isonzo.

La raccolta consiste di oggetti che provengono in maggioranza dal territorio del Fronte d’Isonzo e sono i frutti della collezione di molti anni.

muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta
muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta muzej-soska-fronta